.
Annunci online

troppagrazia [ L'impiego fisso è una "malattia lieve", una dimensione in cui non si vive realmente, dove si contano le ore e i minuti prima che tutto sia finito (Frithjof Bergmann) ]
 


Il profilo di Giuliana Cupi
Profilo Facebook di Giuliana Cupi
Crea il tuo badge Add to Technorati Favorites View Giuliana Cupi's profile on LinkedIn

Giuliana Cupi
kilombo Candidata a DONNEèWEB 2008

2 aprile 2008




Una volta i potenti per sottomettere il popolo usavano la forza, le leggi e la religione; ora dispongono anche del calcio e della televisione -  Carl William Brown


Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla né s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, delle scarpe e delle medicine dipende dalle decisioni politiche. L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e gonfia il petto dicendo che odia la politica. Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante e peggiore di tutti i banditi, che è il politico imbroglione, il mafioso, il corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali.
Bertolt Brecht

Il primo e il secondo giorno puntavamo lo sguardo verso i nostri Paesi.
Il terzo e il quarto giorno cercavamo i nostri continenti.
Il quinto giorno acquistammo la consapevolezza che la Terra è un tutto unico.
Sultan Salman al-Saud
Astronauta dello Shuttle Discovery, 1985


The conditions in which men live upon earth are the result of their state of consciousness.
To want to change the conditions without changing the consciousness is a vain chimera.
Sri Aurobindo



“Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l'amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra”.
(La chiave a stella, Primo Levi)




Dis donc camarade Soleil
tu ne trouves pas
que c'est plutôt con
de donner une journée pareille
à un patron ?

Le temps perdu - Jacques Prévert

 

"Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno"
Voltaire



Diogene stava lavando delle lenticchie per farsi la minestra.
Il filosofo Aristippo, che se la passava bene perché si era messo
a corteggiare il re, gli disse sprezzante: "Se tu imparassi ad
adulare il re, non dovresti contentarti di un piatto di lenticchie".
"E se tu avessi imparato a vivere di lenticchie" - ribattè
Diogene con altrettanto sprezzo - "non avresti bisogno di adulare il
re".
J.A. Thom


2 agosto 2007


A CASA MIA / 4 - La terra trema

All’inizio di maggio del 1976 faceva un caldo pesante e innaturale. Mio padre era in ospedale a Udine, reduce da un intervento di cardiochirurgia che lì si praticava per la prima volta in Italia: il by-pass coronarico. Io e mia madre eravamo dunque sole.
La sera del 6 dopo cena andai in camera mia e a un certo punto vidi l’armadio spostarsi verso la porta. La cosa mi parve degna di nota e andai a dirla appunto a mia madre, ma non potevo immaginare l’effetto che avrebbe avuto su di lei, che afferrò me con una mano, poche cose con l’altra e corse fuori. Sotto c’era un sacco di gente, tutta molto agitata e tutta in procinto di fare quello che stavamo facendo noi: saltare in macchina, portarsi lontano dall’abitato e passare la notte lì.
In seguito venni a sapere che, poche decine di chilometri più su, non solo gli armadi si erano mossi, ma le case tutte intere, ripiegandosi su stesse. Sotto erano rimaste 1000 persone.
Poche regioni italiane sono state martoriate come il Friuli Venezia – Giulia nel secolo scorso: in 50 anni su questa terra si sono abbattuti due guerre mondiali, un terremoto devastante, senza dimenticare il disastro del Vajont. Una serie tremenda.
I friulani però, da quei tenaci montanari che sono, così come avevano ricominciato dopo gli elmetti chiodati, le camice brune e il fango ricominciarono anche dopo le scosse, che cessarono del tutto solo in autunno. Nel 1977 sulla guida del telefono delle province di Udine e Gorizia campeggiava la foto del bellissimo Duomo di Gemona avvolto dalle impalcature: non si perse un attimo, pochi anni dopo i paesi erano stati ricostruiti e la gente aveva di nuovo case e scuole.
Il confronto con le baraccopoli dell’Irpinia e del Belice, ancora piene di gente rispettivamente 30 e 40 anni dopo i rispettivi sismi, non potrebbe essere più stringente. Certo, la Regione (a statuto speciale) dispose forse più agevolmente dei fondi per la ricostruzione. Certo, i fondi stessi non finirono nelle tasche della mafia, ma in quelle dei cittadini che avevano anticipato personalmente i soldi necessari senza aspettare preventivamente i finanziamenti. E la gente, appunto, non aspettò un momento, non si pianse addosso, si assunse in prima persona la responsabilità di ricostruire la propria vita.
Non intendo certamente fare una classifica delle disgrazie: i morti sono tutti uguali e meritevoli dello stesso rispetto. Sono i vivi che alla lunga fanno la differenza.




permalink | inviato da troppagrazia il 2/8/2007 alle 11:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre