.
Annunci online

troppagrazia [ L'impiego fisso è una "malattia lieve", una dimensione in cui non si vive realmente, dove si contano le ore e i minuti prima che tutto sia finito (Frithjof Bergmann) ]
 


Il profilo di Giuliana Cupi
Profilo Facebook di Giuliana Cupi
Crea il tuo badge Add to Technorati Favorites View Giuliana Cupi's profile on LinkedIn

Giuliana Cupi
kilombo Candidata a DONNEèWEB 2008

2 aprile 2008




Una volta i potenti per sottomettere il popolo usavano la forza, le leggi e la religione; ora dispongono anche del calcio e della televisione -  Carl William Brown


Il peggior analfabeta è l’analfabeta politico. Egli non sente, non parla né s’importa degli avvenimenti politici. Egli non sa che il costo della vita, il prezzo dei fagioli, delle scarpe e delle medicine dipende dalle decisioni politiche. L’analfabeta politico è così somaro che si vanta e gonfia il petto dicendo che odia la politica. Non sa, l’imbecille, che dalla sua ignoranza politica nasce la prostituta, il bambino abbandonato, l’assaltante e peggiore di tutti i banditi, che è il politico imbroglione, il mafioso, il corrotto, il lacchè delle imprese nazionali e multinazionali.
Bertolt Brecht

Il primo e il secondo giorno puntavamo lo sguardo verso i nostri Paesi.
Il terzo e il quarto giorno cercavamo i nostri continenti.
Il quinto giorno acquistammo la consapevolezza che la Terra è un tutto unico.
Sultan Salman al-Saud
Astronauta dello Shuttle Discovery, 1985


The conditions in which men live upon earth are the result of their state of consciousness.
To want to change the conditions without changing the consciousness is a vain chimera.
Sri Aurobindo



“Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l'amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra”.
(La chiave a stella, Primo Levi)




Dis donc camarade Soleil
tu ne trouves pas
que c'est plutôt con
de donner une journée pareille
à un patron ?

Le temps perdu - Jacques Prévert

 

"Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno"
Voltaire



Diogene stava lavando delle lenticchie per farsi la minestra.
Il filosofo Aristippo, che se la passava bene perché si era messo
a corteggiare il re, gli disse sprezzante: "Se tu imparassi ad
adulare il re, non dovresti contentarti di un piatto di lenticchie".
"E se tu avessi imparato a vivere di lenticchie" - ribattè
Diogene con altrettanto sprezzo - "non avresti bisogno di adulare il
re".
J.A. Thom


7 luglio 2008


PREMIO BRILLANTE WEBLOG 2008



Che bello ricevere un premio in un lunedì al cubo, afflitto non solo dalla sua natura di rimando alla noia quotidiana, ma anche dallo sciopero dei tram e - horribile dictu - dall'inizio del trasloco nella nuova sede dell'Ente.

Mi è stato conferito da Guerrino del blog Quando perché, bontà sua, i miei sproloqui gli piacciono...

Il PBW viene assegnato a siti e blog che si distinguono nella loro brillantezza sia nei temi che nel design. Il suo scopo è di promuovere e gratificare più o meno tutti nella blogsfera mondiale.

R e g o l a m e n t o

-    al ricevimento del premio, mostrare la pagina contenente il premio e citare il nome di chi vi ha premiato mostrando il link del suo blog;

-    scegliere minimo 7 blog e/o siti che credi siano brillanti nei loro temi e abbiano le caratteristiche di cui sopra;

-    mostrare il loro nome e link ed avvisarli che hanno ricevuto il PBW;

-    facoltativo, esibire foto e profilo di chi ti ha premiato e di chi viene premiato nel tuo blog/sito: non me ne vogliano premiante e premiati, ma non dispongo del materiale necessario...

Non trascuro invece certo le condizioni minime per meritare il premio ed ecco dunque il mio palmarès, che è poi quello che percorro ogni mattina nel mio abituale giro informativo:

con una particolare menzione per gli ultimi due, il cui stato è al momento molto interessante...:-)




permalink | inviato da troppagrazia il 7/7/2008 alle 17:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


4 luglio 2008


COMPRO DUNQUE SONO

Non è che io sono una cosa e la mia spesa, un'altra cosa. La mia spesa sono io. Che la nostra spesa e il nostro carattere siano due, è il vizio della società.

Ralph Waldo Emerson




permalink | inviato da troppagrazia il 4/7/2008 alle 13:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


3 luglio 2008


L'8 LUGLIO ANCHE A TORINO

1) Democrazia non significa che la maggioranza ha ragione. Significa che la maggioranza ha il diritto di governare.

2) Democrazia non significa pertanto che la minoranza ha torto. Significa che, mentre rispetta il governo della maggioranza, essa si esprime a voce alta ogni volta che pensa che la maggioranza abbia torto (o addirittura faccia cose contrarie alla legge, alla morale e ai principi stessi della democrazia), e deve farlo sempre e con la massima energia perché questo è il mandato che ha ricevuto dai cittadini. Quando la maggioranza sostiene di aver sempre ragione e la minoranza non osa reagire, allora è in pericolo la democrazia.

Umberto Eco

 
Martedì prossimo 8 luglio alle 18 chi non può andare a Roma è invitato a un'analoga manifestazione che si terrà presso la fontana di piazza Castello.




permalink | inviato da troppagrazia il 3/7/2008 alle 14:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


3 luglio 2008


LIBERA

 

Sei mesi fa eravamo decisamente meno allegri: cominciamo la parabola discendente del 2008 con una notizia positiva.

E, finiti i sei anni che purtroppo per lei l'hanno resa famosa, scopriamo che Ingrid ha molto vissuto anche nei 40 precedenti.




permalink | inviato da troppagrazia il 3/7/2008 alle 9:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


2 luglio 2008


E' TUTTO PRONTO

Siamo andati a vedere Gomorra il giorno in cui l’Italia è stata espulsa dagli Europei. Abbiamo scelto il secondo spettacolo pomeridiano e abbiamo involontariamente avuto un’ottima idea: alle nostre spalle, infatti, il cinema ha chiuso i cancelli perché di lì a poco sarebbe iniziata la partita e quelli come noi a cui la cosa non interessa potevano fottersi. Evidentemente in Italia l'unica legge nei cui confronti non si può sollevare l’obiezione di coscienza è il calcio.

La situazione fuori era quasi spettrale come nella pellicola: non un’anima viva, non un’auto, caffé chiusi, silenzio di tomba. Ho pensato che per il colpo di Stato è tutto pronto: leggi su misura, Polizia sguinzagliata sul territorio, organi d’informazione asserviti.

Del coprifuoco non c’è bisogno. Basta una Coppa tutte le sere.

 




permalink | inviato da troppagrazia il 2/7/2008 alle 15:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa


1 luglio 2008


GRAZIE FACCIO DA SOLA

In questi tempi di straordinari santificati e di rarefazione del part-time la bellezza della vita lenta vorrebbe insegnarcela l’ex manager Telecom, che guarda caso ci ha scritto un libro sopra. Tra liquidazione d’oro, diritti d’autore e prevedibile giro di conferenze lui certo non ha bisogno di fare un passo più lungo dell’altro.

Mi viene da pensare che, ora più che mai, dobbiamo fare estrema attenzione a quelli che la mia saggia amica Liliana chiama “i falsi dèi”: nella fattispecie, precipitarsi a comprare il libro sulla lentezza quando tutti noi siamo naturalmente in grado di pensare, agire e vivere in quel modo, anche se siamo talmente strozzati dall’ingranaggio da credere di non esserne più capaci. Un’agente immobiliare in via di redenzione mi raccontava di aver cominciato a guarire imponendosi di non affrettare il passo per riuscire a prendere il treno che sapeva stare per partire: “perderlo è diventato un esercizio zen” – a costo zero, aggiungo io.


Pochi giorni fa avevo un po' di tempo da perdere in centro. Mi sono infilata in una libreria con l’idea di prendere Gomorra, ma poi mi è venuto in mente che conosco un paio di persone che possono imprestarmelo. Allora ho immaginato di puntare su qualcosa di estivo, per esempio un giallo alla Pepe Carvalho che tante mie vacanze ha accompagnato o un racconto di viaggio stravagante (e lentissimo) come quello che mi giunse autografato da Peter Moore, ma nulla mi attirava, non so se a causa della dubbia qualità di ciò che era esposto o dei miei mutati criteri di valutazione. Sono uscita dopo un’ora di felice e gratuito cazzeggio, meravigliosa esperienza che intendo ripetere al più presto: ovviamente la prossima volta cercherò il volume del signor Cortigiani al solo scopo di non comprarlo.


Domenica avevamo appuntamento con Liliana e lei, senza che nulla ci fossimo dette al riguardo, è arrivata con due libri che qualcun altro le aveva dato.


“Da far girare”, mi ha detto. “Ma prima leggiteli con comodo”.

 




permalink | inviato da troppagrazia il 1/7/2008 alle 12:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno   <<  1 | 2 | 3 | 4  >>